PARLIAMONE
    
Prima Pagina Spettacolo Cronaca Arte Cultura
Libri Scuola Sport Opinioni Lavorare in Comune
Centro Storico Fiat museo più popolare su Facebook/Centro-Storico-Fiat1


Adiconsum: 10 anni di conciliazioni tra consumatori e Trenitalia

Adiconsum-10-anni-conciliazioni-consumatori-Trenitalia

ROMA - Adiconsum ai 10 anni di conciliazione paritetica con Trenitalia al Museo ferroviario nazionale di Pietrarsa. Pierpaola Pietrantozzi, Segretario nazionale Adiconsum: il 96% delle conciliazioni va a buon fine con piena soddisfazione dei consumatori. Fatti recuperare migliaia di euro.
Prossimo step: far conoscere ai consumatori l’organismo ADR di conciliazione paritetica di Trenitalia SpA – Associazioni Consumatori.

Al II Forum sulla conciliazione paritetica, Adiconsum festeggia, con Trenitalia e tutti i conciliatori, 10 anni di lavoro svolto a tutela dei consumatori.

Sono passati 10 anni da quando Adiconsum ha stipulato un protocollo di conciliazione paritetica con Trenitalia – dichiara Pierpaola Pietrantozzi, Segretario nazionale di Adiconsum – Oggi si celebra un traguardo importante a testimonianza dell’attività svolta e dell’impegno profuso in questi anni per aumentare la tutela dei passeggeri del trasporto ferroviario. Un traguardo che ha permesso ai consumatori di recuperare migliaia di euro e che non è un punto di arrivo, ma il proseguimento di un percorso che ci auguriamo sia sempre più condiviso e che metta sempre più il consumatore-passeggero al centro.

Adiconsum è stata l’Associazione promotrice della conciliazione paritetica ed ha costantemente nel tempo collaborato con Trenitalia per migliorarla e renderla facilmente fruibile ai consumatori – ricorda Mauro Vergari di Adiconsum e membro dell’Organo paritetico di garanzia - La conciliazione paritetica è una procedura stragiudiziale, prevista dal Codice del Consumo, frutto di un accordo realizzato fra le Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge, come Adiconsum, e un’azienda. Nel caso di Trenitalia, per un contenzioso insorto tra un passeggero e l’impresa ferroviaria, è possibile, attraverso la conciliazione, risolvere in tempi rapidi e senza COSTI per il consumatore, fatta salva l’iscrizione all’Associazione Consumatori cui si conferisce mandato, la controversia.

La conciliazione paritetica con Trenitalia – precisa Pietrantozzi - è prevista per i disservizi verificatisi nel corso di viaggi di LUNGA E MEDIA PERCORRENZA, con origine e destinazione nel territorio italiano sui treni ES* AV Fast, ES* AV , ES* Fast, ES*, ES* City, IC, ad esclusione del servizio regionale, che si discostino dagli impegni assunti dall’azienda ferroviaria in documenti ufficiali quali Condizioni di trasporto, informazioni commerciali, Carta dei servizi, e quelli effettivamente fruiti dal consumatore. Rientrano nella conciliazione paritetica anche le problematiche legate alla pulizia dei treni.

In base alla nostra esperienza – conclude Pietrantozzi - i risultati finora raggiunti sono ottimi. Infatti, ben il 96% delle conciliazioni va a buon fine CON PIENA SODDISFAZIONE DEI PASSEGGERI. Inoltre, ci preme ricordare che la conciliazione paritetica con Trenitalia è riconosciuta organismo ADR (Alternative Dispute Resolution) con piena legittimità giuridica. Purtroppo, questo utile strumento non è ancora conosciuto da molti e nei prossimi anni l'impegno che con Trenitalia occorre intraprendere è proprio legato alla sua diffusione.
Data: 27/3/2019
STAMPA QUESTO ARTICOLO
STAMPA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
 
© Riproduzione Riservata

I PIU' LETTI
Cassano colpito da ictus, il fuoriclasse del Milan come Ronaldo
Compleanno del Santo Padre Benedetto XVI, lettera aperta di Maurizio Zini
Apocalisse nucleare, parole che arrivano dal Giappone. Tokyo città fantasma
Nube radioattiva di Fukushima domani sull§Italia, disastrosa se piove
Risks for Public Health & the Environment 16th to 18th of May in Madrid
Milioni di morti in Giappone a causa del plutonio nell§aria, apocalisse?
Terremoto in Emilia-Romagna e Lombardia, scossa a Finale Emilia, Borgofranco
Gianni Riotta si dimette dalla direzione de "Il Sole 24 Ore". Martedì al Cda