PARLIAMONE
    
Prima Pagina Spettacolo Cronaca Arte Cultura
Libri Scuola Sport Opinioni Lavorare in Comune
Centro Storico Fiat museo più popolare su Facebook/Centro-Storico-Fiat1

Carta d'identità elettronica, Uncem: positiva la proroga del bando sull'anagrafe

Carta-identita-elettronica-Uncem-positiva-proroga-bando-anagrafe ROMA - Nella transizione al digitale del processi amministrativi e dei servizi ai cittadini, Uncem ritiene la carta d'identità elettronica un passo in avanti importante, che allinea il Paese con l'Europa. È però decisivo accompagnare anche i piccoli Comuni e i Comuni montani in questo passaggio.

Sul sito

https://www.cartaidentita.interno.gov.it/la-carta-identita-nei-comuni-ditalia/

è possibile verificare puntualmente quali Comuni già rilasciano il documento. In molte Regioni, le percentuali di attuazione superano il 90 per cento. Per i Comuni che non avessero ancora avviato il percorso e messo a disposizione dei cittadini il servizio, Uncem offre il supporto informativo.

Altro fronte decisivo, collegato al rilascio della carta d'identità elettronica, è quello relativo all'Anagrafe unica nazionale della popolazione residente.

Pubblicità



Sono finora 1500 i Comuni che hanno già effettuato la transizione all'Anpr. È molto positiva, secondo Uncem, l'estensione dei termini (ora c'è tempo fino al 31 dicembre 2019) per l'accesso dei Comuni ai contributi forfettari del Ministero della Pubblica Amministrazione proprio per agevolare la migrazione dei dati su Anpr. A disposizione vi sono 14 milioni di euro. Si parte da un contributo di 1000 euro per i Comuni con meno di mille abitanti, per salire fino a 7000 euro per i Comuni con più di 50mila. "Da anni Uncem sostiene l'importanza di una gestione migliore dei dati pubblici - spiega Marco Bussone, Presidente nazionale - da non tenere più nel ferro dei server sotto la scrivania degli uffici, bensì da trasferire nelle piattaforme cloud, sicure e a prova di attacco. Con l'Anpr, e anche grazie ai contributi previsti, facciamo un passo in avanti. Agevoliamo così l'accesso dei cittadini ai servizi attraverso smartphone, pc, con uno scambio di dati tra Comuni che rende più smart gli Enti locali, anche montani".
Data:  9/1/2019   |    © RIPRODUZIONE RISERVATA            STAMPA QUESTO ARTICOLO            INVIA QUESTO ARTICOLO





           
Prima PaginaGerenza e Cookie PolicyGiornale e ContattiCredits© 2009 - CINQUEW.it