OPINIONI
    
Prima Pagina Spettacolo Cronaca Arte Cultura
Libri Scuola Sport Opinioni Lavorare in Comune
Centro Storico Fiat museo più popolare su Facebook/Centro-Storico-Fiat1
Cinquew News - Condividere Putin. Rivedere la politica di Mussolini e Craxi

pierfranco-bruni-e-putin

ROMA - Ora basta. Noi mediterranei vogliamo la politica estera del 1935 e non possiamo non condividere Putin. E no. No. Ora non ci siamo più. Di guerra si deve parlare. Si può parlare. Bisogna che se ne parli. Non si tratta di una guerra religiosa, etnica, culturale. Non si tratta di un conflitto multietnico. O interetnico. La Siria non è più uno spartiacque soltanto religioso. La Striscia di Gaza è la lettura di un mondo ebraico che chiede di diventare monopolio. Israele è un labirinto che si estende oltre i deserti e il mare. Il problema serio resta ancora il Mediterraneo che non è dominato dalle economie mediterranee e dalle civiltà eurocentriche. La Francia è il birillo che che sta al centro. La Germania sembra, in questo conflitto' assente. Sembra. L'Italia non esiste. Non esiste e le parole sono pronunciate sono ridicole. Non ci siamo accorti che non è neppure su una Carta geografica e tanto meno geopolitica.
L'Occidente del Nord sembra incredulo. Putin è l'unico ragionatore di una politica estera che si basa sulla realtà che è quella straordinariamente economica.
Obama continua a fomentare un dibattito su una questione religiosa che non è tale e la Turchia che abbatte un caccia russo è la testimonianza.
I Turchi non sono sono islamici, sono una Potenza economica.
E qui l'Isis non ha alcun ruolo. Lo Stato Islamico non è uno Stato islamico soltanto, bensi uno Stato cuscinetto per permettere una espansione dell'Occidente tra Medio Oriente e Mediterraneo.
Gli Stati Uniti d'America e la Francia sono gli Stati, insieme agli Inglesi, che hanno voluto la morte di Gheddafi e la "Primavera" di morte nella linea del Mediterraneo.
È una guerra di dominazione economica e il conflitto religioso è soltanto una maschera. Nessuno dice Siamo tutti Putin. Bisogna analizzare la scacchiera geografica. Cosa è cambiato dal 1935 in poi. Il mondo è ormai spaccato su un mosaico che è quello del potere economico americano, la finanza ebraica e lo specchio metaasiatico.
Putin non può tollerare ciò. La doppiezza della Turchia trova spazio nelle ambiguità americane. Non esiste l'Europa. Esistono le Americhe che continuano a dominare e la presenza di Putin è un ostacolo serio.
Soltanto Mussolini, negli anni Trenta, e poi Craxi avevano chiaro il quadro di una politica sul Mediterraneo. È inutile offrire analisi sterili.
Il Mediterraneo di Mussolini era il centro del mondo. Quello di Craxi costituiva la rispettabilità del Mediterraneo con l'Italia riferimento. Con Renzi la politica estera è la verità del non conoscenza né storica né geografia.
Siamo in una guerra. Ma non religiosa. Bellicosa e cinica. Tunisi ritorna nel sangue. Putin viene aggredito. E lo Stato islamico uccide non in nome di una cultura ma di alleanze e fi accordi economici.
Il Mediterraneo o diventa un assetto politico intelligente o diventa l'ombelico delle guerre. Come con la Tripolitania e la Cirenaica del 1911. Come con l'Italia che dominava il Mediterraneo con Mussolini.

di Pierfranco Bruni

Tag: Craxi, Lazio, Mediterraneo, Mussolini, Opinioni, Pierfranco Bruni, Putin, Roma


Data: 30/11/2015
STAMPA QUESTO ARTICOLO
STAMPA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
 
© Riproduzione Riservata
ULTIME DAI COMUNI
 

 
  Scooter e moto: a Roma meno incidenti, ma buche e tombini fanno paura
 
  Competenza delle Prefetture - U.T.G. per l'accoglienza e procedure di R.A.V.
 
  Marchio d'impresa e marchio comunitario, consumatori e produttori senza tutela
 
  Carta d'identità elettronica, Uncem: positiva la proroga del bando sull'anagrafe
 
  Fatturazione elettronica nei Comuni montani e in aree dove c'è divario digitale
 
  Teleriscaldamento, Bergamo al top. Ma ancora tanti morti di tumore in Lombardia
 
  Mercato immobiliare, Uncem: domanda in ripresa nelle principali località alpine
 
  Proprietà intellettuale, contraffazione ed educazione alla legalità con Codacons
 
  Saldi: decalogo di Adiconsum. Acquisto del giusto rapporto qualità prezzo
 
  Portale delle offerte valido aiuto per il consumatore nella scelta di luce e gas
 
  Ecotassa, serve un tavolo con stakeholder per modalità attuative
 
  Fatturazione elettronica, percorso di aiuto dalla Camera di commercio di Varese
 
  Agriturismi italiani, Mipaaft e Google insieme per aprire le porte del mondo
 
  Bollini allarmistici per indicare salubrità o meno degli alimenti
 
  Limite di velocità a 30 KM/H in tutti i centri urbani, Codacons in Procura
 
  Sotto l’albero di Natale, con Adiconsum e Centro Europeo Consumatori Italia
 
  Assicurazioni agevolate, entro la fine del 2018 pagamento di 130 milioni di euro
 
  Com’è nato e com’è cambiato il gioco d’azzardo nel tempo
 
  Regala cultura anche a Natale con Lalineascritta di Antonella Cilento
 
  Iss e case farmaceutiche, caos sui vaccini dopo l'inchiesta delle Iene
 
  Bonus sociale luce gas e acqua: per Adiconsum da rendere automatico
 
  Sospensione delle rate dei mutui di Banco BMP nei territori colpiti dal maltempo
 
  Fatturazione elettronica: modalità operative e principali criticità dal 2019
 
  Agricoltura biologica: disinformazione sui benefici per ambiente e nutrizione
 
  Patrimoniale fa paura ai cittadini, Aduc: messi al riparo i conti a rischio
 
  Concorso a dirigente scolastico, partecipanti infuriati e richieste al Miur
 
  Comune di Merano annuncia la riasfaltatura di corso Libertà inferiore
 
  Comune di Teramo riapre i cimiteri di Varano, Villa Rupo e Garrano
 
  Comune di Castenaso mette in tavola rotonda accoglienza e integrazione
 
  Regolamento comunale fitofarmaci, questo il resoconto del Comune di Sansepolcro





Prima Pagina Gerenza e Cookie Policy Giornale e Contatti Credits © 2009 - CINQUEW.it