OPINIONI
    
Prima Pagina Spettacolo Cronaca Arte Cultura
Libri Scuola Sport Opinioni Lavorare in Comune
Centro Storico Fiat museo più popolare su Facebook/Centro-Storico-Fiat1
Il suicidio istituzionale e metafisico della politica. Cosa è un colpo di Stato?


bruni pierfranco 11

ROMA - Se c’è una Ragione Nolente, nella prassi della politica e nella storia della politica, deve pur esserci una Ragione Volente, che crea processi intorno ad una visione delle idee e dei valori. Io non credo che siano morte le ideologie. Credo piuttosto che le ideologie smarrite abbiamo trasformato il pensiero di una Ragion pratica intorno al modo di concepire la struttura della società e con essa l’intreccio tra identità e radicalismo.
C’è un problema di fondo che si è aperto proprio in questi giorni.
La cacciata di Berlusconi dalle Istituzioni ha, sostanzialmente, lacerato quella ferita che già da anni aveva tagliato a metà la filosofia della cittadinanza alla libertà con il diritto alla democrazia. Le civiltà che cambiano e si trasformano non passano attraverso colpi di maggioranza.
Le idee che divengono “popolari”, o i comportamenti giudicati tali, non sono frutto di un atto rivoluzionario se pur a priori. La rivoluzione delle idee, e prima di essere considerata rivoluzione diventa ribellione e ancora prima rivolta, non è “dettata” dalle maggioranze. Le maggioranze, a volte, sono greggi nelle piazze ma anche nei contenitori di un “Paese”. Non possono esistere, tra storie e identità diverse, idee e modelli storici condivisi. Si è sempre autonomi e separati.
Le cosiddette larghe intese diventa un eufemismo, o meglio un effimero comportamento per reggere le “gesti” del potere costituito. La visione delle larghe intese non è partecipazione di “popolo” perché il “popolo” non le ha votate. Ha, invece, votato schieramenti. Non esiste sia sul piano di una corretta formula di diritto costituzionale e tanto meno di ontologia del pensiero politico far reggere un potere costituito sulla base di posizioni politiche completamente divergenti ed eterogenee.
In questi giorni ci si è scandalizzati su chi ha parlato di colpo di Stato. Non c’è nulla da scandalizzarsi. Non è stato un Colpo di Stato la non convalida di Berlusconi a senatore. È da considerarsi, questo fatto, piuttosto una lacerazione della libertà nella democrazia ed è grave che un Capo dello Stato abbia accettato ciò perché è la dimostrazione che questa Repubblica ha spezzato il filo metafisico tra il concetto di libertà, di democrazia e di volontà popolare degli elettori.
La posizione non definita chiaramente e realmente del Capo dello Stato non solo è incomprensibile in uno Stato di Diritto, ma diventa ideologica in uno Stato che applica una Ragione Nolente. Ma con questo atto non siamo, comunque, al colpo di Stato.
Il colpo di Stato, invece, è avvenuto nel momento in cui si è dato spazio all’unione tra eredi del comunismo e dell’attuale prassi marxista e cattolici insieme con liberali, conservatori, tradizionalisti ex radicali e socialisti riformisti. Lì si è consumata una rottura tra il corpo elettorale e la volontà popolare e il concetto di democrazia nella libertà (questa volta).
Un Capo dello Stato coerente con la manifestazione dell’elettorato non avrebbe dovuto dare vita ad un Governo che viene definito “di scopo”, che non significa nulla ma soltanto il banalismo recitato in politica.
Un Colpo di Stato, ho avuto modo di spiegarlo in altre occasioni, non avviene soltanto manu militare. Avviene, tra l’altro, anche quando non si rispetta il diritto del cittadino, ovvero della cittadinanza democratica. Questa cittadinanza, che ha espresso un voto e, quindi, ha manifestato una posizione politica, di idee, di società, non ha contato e non è stato rispettato, in quanto posizioni divergenti sono diventati omologanti e convergenti.
Cosa è tutto ciò? Un Colpo di Stato sulle idee espresse da una cittadinanza in bilico tra democrazia e libertà.
Non è forse la vittoria della Ragione Nolente? Le maggioranze subiscono tale Ragione. A non subirla sono le minoranze, le quali guardano alla Ragione Volente di una politica che sia espressione di una ontologia del pensiero. La Ragione Nolente ha preso il sopravvento anche sul diritto nel rispettare o meno i valori del processo costituzionale alle identità politiche. In tale Ragione il colpo di Stato è praticamente ghigliottinare il pensiero della cittadinanza democratica che ha espresso posizioni elettorali e politiche divergenti.
Non si può prescindere dal fatto che bisogna ridiscutere il concetto di Stato di Diritto. Ormai dovremmo essere all’epilogo.
La politica in Italia ha subito un suicidio sia istituzionale che metafisico. Siamo all’agonia. Il Governo Letta, simbolicamente e non solo, è un rimescolamento di macerie che testimoniano la debolezza di una politica che ha ridotto in cenere ogni idea. E qui la volontà della Ragione delle minoranze dovrebbe indignarsi.
Io sono non rabbioso ma indignato tra le ombre giordaniane e i nodi gordoniani.
La volontà della Ragione, che non è né la ragione pura né quella pratica, deve essere la terza strada tra la Ragione Nolente e quella Volente. È un cammino difficile ma bisogna almeno avere la speranza di intravederlo.
Cosa è, dunque, un colpo di Stato? Soprattutto il non rispettare la cittadinanza democratica che ha espresso, nella libertà e nella visione di opinioni contrastanti, delle idee attraverso un voto e un pensiero politico.

di Pierfranco Bruni

Tag: suicidio istituzioni metafisico politica colpo di stato

Contenuti corrispondenti


Data: 30/11/2013
STAMPA QUESTO ARTICOLO
STAMPA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
 
© Riproduzione Riservata
ULTIME DAI COMUNI
 

 
  Nutrirsi e fare spesa nell’era di tecnologia esponenziale e social network
 
  Più di 5 milioni di poveri energetici in Italia, proposte Adiconsum
 
  Codacons minaccia patrimonio reputazionale di Carige, denuncia dell'Associazione
 
  Adas su furgoni, camion e bus: sgravi fiscali proposti da Aci e Mobileye
 
  Cibo per gatti, attenzione alla presenza anomala di glutammati e di ceneri
 
  Costi sostenuti per i servizi di investimento offerti da banche e intermediari
 
  Gift card, consigli per l'uso da Adiconsum. Poca trasparenza
 
  Fake news sulle competenze di un professionista etichettato erroneamente
 
  Consigli Adiconsum sulla navigazione in Internet e sull'utilizzo di Social
 
  Scooter e moto: a Roma meno incidenti, ma buche e tombini fanno paura
 
  Competenza delle Prefetture - U.T.G. per l'accoglienza e procedure di R.A.V.
 
  Marchio d'impresa e marchio comunitario, consumatori e produttori senza tutela
 
  Carta d'identità elettronica, Uncem: positiva la proroga del bando sull'anagrafe
 
  Fatturazione elettronica nei Comuni montani e in aree dove c'è divario digitale
 
  Teleriscaldamento, Bergamo al top. Ma ancora tanti morti di tumore in Lombardia
 
  Mercato immobiliare, Uncem: domanda in ripresa nelle principali località alpine
 
  Proprietà intellettuale, contraffazione ed educazione alla legalità con Codacons
 
  Saldi: decalogo di Adiconsum. Acquisto del giusto rapporto qualità prezzo
 
  Portale delle offerte valido aiuto per il consumatore nella scelta di luce e gas
 
  Ecotassa, serve un tavolo con stakeholder per modalità attuative
 
  Fatturazione elettronica, percorso di aiuto dalla Camera di commercio di Varese
 
  Agriturismi italiani, Mipaaft e Google insieme per aprire le porte del mondo
 
  Bollini allarmistici per indicare salubrità o meno degli alimenti
 
  Limite di velocità a 30 KM/H in tutti i centri urbani, Codacons in Procura
 
  Sotto l’albero di Natale, con Adiconsum e Centro Europeo Consumatori Italia
 
  Assicurazioni agevolate, entro la fine del 2018 pagamento di 130 milioni di euro
 
  Com’è nato e com’è cambiato il gioco d’azzardo nel tempo
 
  Regala cultura anche a Natale con Lalineascritta di Antonella Cilento
 
  Iss e case farmaceutiche, caos sui vaccini dopo l'inchiesta delle Iene
 
  Bonus sociale luce gas e acqua: per Adiconsum da rendere automatico




Prima Pagina Gerenza e Cookie Policy Giornale e Contatti Credits © 2009 - CINQUEW.it