OPINIONI
    
Prima Pagina Spettacolo Cronaca Arte Cultura
Libri Scuola Sport Opinioni Lavorare in Comune
Centro Storico Fiat museo più popolare su Facebook/Centro-Storico-Fiat1

Il suicidio istituzionale e metafisico della politica. Cosa è un colpo di Stato?

bruni pierfranco 11


ROMA - Se c’è una Ragione Nolente, nella prassi della politica e nella storia della politica, deve pur esserci una Ragione Volente, che crea processi intorno ad una visione delle idee e dei valori. Io non credo che siano morte le ideologie. Credo piuttosto che le ideologie smarrite abbiamo trasformato il pensiero di una Ragion pratica intorno al modo di concepire la struttura della società e con essa l’intreccio tra identità e radicalismo.
C’è un problema di fondo che si è aperto proprio in questi giorni.
La cacciata di Berlusconi dalle Istituzioni ha, sostanzialmente, lacerato quella ferita che già da anni aveva tagliato a metà la filosofia della cittadinanza alla libertà con il diritto alla democrazia. Le civiltà che cambiano e si trasformano non passano attraverso colpi di maggioranza.
Le idee che divengono “popolari”, o i comportamenti giudicati tali, non sono frutto di un atto rivoluzionario se pur a priori. La rivoluzione delle idee, e prima di essere considerata rivoluzione diventa ribellione e ancora prima rivolta, non è “dettata” dalle maggioranze. Le maggioranze, a volte, sono greggi nelle piazze ma anche nei contenitori di un “Paese”. Non possono esistere, tra storie e identità diverse, idee e modelli storici condivisi. Si è sempre autonomi e separati.
Le cosiddette larghe intese diventa un eufemismo, o meglio un effimero comportamento per reggere le “gesti” del potere costituito. La visione delle larghe intese non è partecipazione di “popolo” perché il “popolo” non le ha votate. Ha, invece, votato schieramenti. Non esiste sia sul piano di una corretta formula di diritto costituzionale e tanto meno di ontologia del pensiero politico far reggere un potere costituito sulla base di posizioni politiche completamente divergenti ed eterogenee.
In questi giorni ci si è scandalizzati su chi ha parlato di colpo di Stato. Non c’è nulla da scandalizzarsi. Non è stato un Colpo di Stato la non convalida di Berlusconi a senatore. È da considerarsi, questo fatto, piuttosto una lacerazione della libertà nella democrazia ed è grave che un Capo dello Stato abbia accettato ciò perché è la dimostrazione che questa Repubblica ha spezzato il filo metafisico tra il concetto di libertà, di democrazia e di volontà popolare degli elettori.
La posizione non definita chiaramente e realmente del Capo dello Stato non solo è incomprensibile in uno Stato di Diritto, ma diventa ideologica in uno Stato che applica una Ragione Nolente. Ma con questo atto non siamo, comunque, al colpo di Stato.
Il colpo di Stato, invece, è avvenuto nel momento in cui si è dato spazio all’unione tra eredi del comunismo e dell’attuale prassi marxista e cattolici insieme con liberali, conservatori, tradizionalisti ex radicali e socialisti riformisti. Lì si è consumata una rottura tra il corpo elettorale e la volontà popolare e il concetto di democrazia nella libertà (questa volta).
Un Capo dello Stato coerente con la manifestazione dell’elettorato non avrebbe dovuto dare vita ad un Governo che viene definito “di scopo”, che non significa nulla ma soltanto il banalismo recitato in politica.
Un Colpo di Stato, ho avuto modo di spiegarlo in altre occasioni, non avviene soltanto manu militare. Avviene, tra l’altro, anche quando non si rispetta il diritto del cittadino, ovvero della cittadinanza democratica. Questa cittadinanza, che ha espresso un voto e, quindi, ha manifestato una posizione politica, di idee, di società, non ha contato e non è stato rispettato, in quanto posizioni divergenti sono diventati omologanti e convergenti.
Cosa è tutto ciò? Un Colpo di Stato sulle idee espresse da una cittadinanza in bilico tra democrazia e libertà.
Non è forse la vittoria della Ragione Nolente? Le maggioranze subiscono tale Ragione. A non subirla sono le minoranze, le quali guardano alla Ragione Volente di una politica che sia espressione di una ontologia del pensiero. La Ragione Nolente ha preso il sopravvento anche sul diritto nel rispettare o meno i valori del processo costituzionale alle identità politiche. In tale Ragione il colpo di Stato è praticamente ghigliottinare il pensiero della cittadinanza democratica che ha espresso posizioni elettorali e politiche divergenti.
Non si può prescindere dal fatto che bisogna ridiscutere il concetto di Stato di Diritto. Ormai dovremmo essere all’epilogo.
La politica in Italia ha subito un suicidio sia istituzionale che metafisico. Siamo all’agonia. Il Governo Letta, simbolicamente e non solo, è un rimescolamento di macerie che testimoniano la debolezza di una politica che ha ridotto in cenere ogni idea. E qui la volontà della Ragione delle minoranze dovrebbe indignarsi.
Io sono non rabbioso ma indignato tra le ombre giordaniane e i nodi gordoniani.
La volontà della Ragione, che non è né la ragione pura né quella pratica, deve essere la terza strada tra la Ragione Nolente e quella Volente. È un cammino difficile ma bisogna almeno avere la speranza di intravederlo.
Cosa è, dunque, un colpo di Stato? Soprattutto il non rispettare la cittadinanza democratica che ha espresso, nella libertà e nella visione di opinioni contrastanti, delle idee attraverso un voto e un pensiero politico.

di Pierfranco Bruni

Tag: suicidio istituzioni metafisico politica colpo di stato
Data: 30/11/2013
STAMPA QUESTO ARTICOLO
STAMPA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
 
© Riproduzione Riservata

I PIU' LETTI
Cassano colpito da ictus, il fuoriclasse del Milan come Ronaldo
Compleanno del Santo Padre Benedetto XVI, lettera aperta di Maurizio Zini
Apocalisse nucleare, parole che arrivano dal Giappone. Tokyo città fantasma
Nube radioattiva di Fukushima domani sull§Italia, disastrosa se piove
Risks for Public Health & the Environment 16th to 18th of May in Madrid
Milioni di morti in Giappone a causa del plutonio nell§aria, apocalisse?
Terremoto in Emilia-Romagna e Lombardia, scossa a Finale Emilia, Borgofranco
Gianni Riotta si dimette dalla direzione de "Il Sole 24 Ore". Martedì al Cda